RISPOSTE DALLA LISTA “Paderno Dugnano Futura” e dal candidato sindaco Ezio Casati

Risposte ricevute in data 17 maggio 2019 e pubblicate sulla nostra pagina Facebook.

RISPOSTE DALLA LISTA “Paderno Dugnano Futura” e dal candidato sindaco Ezio Casati

 

 

1.     Quali controlli intendete attuare per l’inceneritore di rifiuti speciali nel quartiere di Incirano? Nel caso di spostamento, dove verrebbe collocato?

 

Per quanto riguarda l’inceneritore dei rifiuti speciali nel quartiere di Incirano, i controlli dovranno attuarsi in tempo reale e con un terminale presso l’Ufficio Ecologia del Comune. Inoltre, lo spostamento non potrà mai avere il nostro parere positivo, se posizionato all’interno del nostro territorio.

 

2.   Potete impegnarvi a pubblicare ufficialmente, sul sito del Comune, i dati delle emissioni nocive

presenti sul nostro territorio?

 

I dati sulla qualità dell’aria nella nostra città sono di interesse pubblico. Ci impegneremo per pubblicarli sul sito del Comune con cadenze precise: per esempio, una volta al mese.

 

3.     Renderete pubbliche tutte le rilevazioni ARPA effettuate sul territorio comunale, comprese le emissioni di Eco‐Bat S.p.A. dove nel 2015 si è fusa una fonte di Radio 226?

 

La questione delle emissioni nocive sta particolarmente a cuore a me e all’intera lista “Paderno Dugnano Futura [SIC]. Ci baseremo sui dati dell’ARPA e non sui molti reportage giornalistici, dando risalto al contraddittorio tra i soggetti interessati.

 

4.     Siete pro o contro l’edificazione di nuovi appartamenti tra via Gorizia e via Carlo A. dalla Chiesa?

 

Edificazione di nuovi appartamenti? Siamo assolutamente contrari! Riteniamo che l’operazione sia scorretta e che costituisca un precedente pericoloso per il futuro della nostra città: dobbiamo puntare sul riuso delle molte aree dismesse, collaborando con gli Atenei milanesi al fine di restituire queste aree ai cittadini!

 

5.     Siete pro o contro l’ampliamento del Centro Commerciale Brianza?

 

Per come è stato presentato, siamo assolutamente contrari all’ampliamento del Centro Commerciale Brianza: noi sosteniamo il Commercio di Città! Se verremo interpellati in materia, condivideremo e valuteremo le richieste insieme alle rappresentanze dei Commercianti di Vicinato e le Associazioni dei consumatori.

 

6.     Potete dichiarare che non verrà ridotta alcuna area verde nel territorio comunale?

 

Nessuna area verde sarà eliminata, anzi! La nostra proposta prevede di incentivare la piantumazione intensiva all’interno delle aree dismesse che non potranno essere recuperate. Vogliamo creare dei veri e propri “Boschi di Città” da restituire alla cittadinanza.

 

7.     Che progetto avete per il Palazzo Sani?

 

Per quanto riguarda il Palazzo Sanità, intendiamo demolire la struttura esistente e ricostruire l’edificio, secondo un progetto che metta insieme Sanità, Sociale e Terzo Settore, offrendo ai cittadini una vera e propria “Cittadella dei Servizi”.

 

8.   Intendete mantenere attivi i servizi sanitari dell’ASST Rhodense (ex ASL) nel territorio di Paderno

Dugnano per i cittadini? Se sì, dove?

 

Intendiamo mantenere attivi i servizi sanitari dell’ASST Rhodense a patto che essa si impegni a partecipare ad un tavolo con l’Amministrazione, al fine di riottenere una serie di servizi che sono stati eliminati. Per quanto riguarda l’apertura della nuova sede, essa potrebbe sorgere anche dove vi è l’attuale.

 

9.     Intendete accogliere la richiesta dei cittadini di riduzione delle valutazioni al mq in merito alla trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà delle abitazioni relativo alle Legge 167? Darete la possibilità ai cittadini di procedere con la trasformazione, qualora lo desiderino, fornendo le nuove valutazioni ridotte sia a chi non ha mai ricevuto alcuna offerta sia a chi l’ha già ricevuta?

 

Intendiamo accogliere la richiesta di riduzione delle valutazioni al mq in merito alla Legge 167, che in passato è stata gestita in maniera elettoralistica. Noi vogliamo la giusta valutazione e l’applicazione delle sentenze più favorevoli ai soci delle cooperative. Inoltre, vogliamo applicare una dilazione nei pagamenti, per permettere a tutti gli interessati di ottenere il riscatto.

 

10.  Aprirete un tavolo di trattativa con i cittadini per decidere la destinazione dellattivo di bilancio?

 

Siamo assolutamente favorevoli alla partecipazione dei cittadini alle scelte dell’Amministrazione, anche attraverso APP bidirezionali.

 

11.  Istituirete delle forme di partecipazione popolare, come ad es. la petizione di quartiere, il bilancio partecipativo e il referendum propositivo? Se sì, quali?

 

Ci impegneremo nella riapertura dei luoghi di confronto per agevolare la partecipazione popolare, istituendo consulte territoriali di quartiere e consulte tematiche su sport, cultura, economia etc.

 

12.  Intendete mettere nuovamente a disposizione dei cittadini le ex sale di quartiere? Facciamo presente che, attualmente, è disponibile solo la saletta di Cassina Amata. E prevedere spazi di aggregazione giovanile?

 

La scorsa Amministrazione ha chiuso la maggior parte delle Sale di Quartiere. Il nostro progetto è quello di riaprire le sedi dedicate al confronto tra cittadini, riqualificando gli spazi esistenti per istituire nuovi centri di aggregazione giovanile, a partire dal Carcatrà di Baraggiole.

 

13. Potete impegnarvi per un ampliamento dell’attuale rete di piste ciclabili? E fare in modo che tutte

le piste siano collegate tra loro?

 

Il tema della mobilità dolce è al centro delle nostre attenzioni: la rete di piste ciclabili verrà ampliata e aumenteremo gli interventi di manutenzione straordinaria del manto stradale.

 

14. Avete delle proposte concrete per incentivare la presenza sul territorio dei negozi di vicinato? Se , quali?

 

Il tema della crisi del Commercio di Vicinato è una questione molto sentita a Paderno Dugnano. È pertanto indispensabile favorirne la fruizione attraverso continue proposte di “Eventi di Via”, in modo da favorire il passeggio e la conoscenza tra i cittadini. Inoltre, è necessario abbattere i costi relativi all’occupazione del suolo pubblico e attivare delle convenzioni con gli esercenti, sfruttando le specifiche di APP, il nuovo e condiviso piano del commercio. Infine, attueremo i DUC, i Distretti Urbani del Commercio.

 

15. Per quanto riguarda la rete dei trasporti pubblici, accogliereste favorevolmente l’introduzione di piccoli autobus elettrici, aumentando le corse giornaliere e la capillarità del servizio?

 

Per incentivare la presenza di nuovi negozi di vicinato nella nostra città, allargheremo l’offerta di mezzi pubblici a chiamata convenzionati, unitamente ad altre forme di condivisione.

 

16. Avete intenzione di realizzare almeno un parco giochi inclusivo sul territorio comunale?

 

È necessario un forte investimento sui Parchi Giochi: quelli esistenti sono fatiscenti e per nulla inclusivi. La nostra proposta è quella di rilanciarli, realizzandone più di uno e applicare la manutenzione necessaria a quelli già presenti sul territorio.

 

17. Avete delle misure concrete da attuare per i soggetti deboli? Se sì, quali?

 

Nel nostro programma, prestiamo una grande attenzione alla tutela dei soggetti più fragili: in primo luogo, attueremo un piano di superamento di tutte le barriere architettoniche. Inoltre, realizzeremo un progetto attuativo del “Dopo Di Noi”, in sinergia con le Associazioni sul territorio.

 

18. Siete pronti a divulgare i numeri effettivi delle unità abitative e commerciali vuote (censimento immobili)?

 

Siamo assolutamente a favore del Censimento Immobili. Inoltre, aggiungiamo un altro tema: quello del riuso delle aree dismesse. Con la cooperazione degli Atenei milanesi, ci poniamo l’obiettivo di portare a zero il consumo di suolo, restituendo almeno il 50% delle aree dismesse all’uso pubblico.

Link al documento originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *